Calli apicali ulcerati

In questo caso abbiamo un persona settantenne, con morbo di Parkinson, deambulazione sull’avanpiede, alluce abdotto valgo, piede piatto, dita ad artiglio. Questo modo di camminare la porta a sviluppare dei calli apicali al 2 e 4 dito, che con il tempo diventano ulcere dolenti.
Arterie dei piedi in buone condizioni.

Sarà necessaria una calzatura di fase acuta, da indossare sempre quando si ha una lesione al piede, ed una medicazione giornaliera, per provare a portarla a guarigione.
Successivamente andrà cambiata la scarpa, che contribuisce moltissimo allo sviluppo del callo e dell’ulcera, per fare prevenzione ed evitare recidive.

Informazioni su Dott. Fabio Granata

Dott. Fabio Granata, infermiere, esperto wound care, specialista nel piede diabetico, specialista in linfologia, perfezionato nel trattamento dell’edema flebo-linfatico, iscritto al 3 anno del corso di Podologia, Studio in V. Verdi 47, Codogno (Lodi), cell. 3486717565, fabio.granata@pec.enpapi.it, iscritto al Ordine Professioni Infermieristiche di Mi-Lo-Mb n. 15284, P. Iva 08187150969
Questa voce è stata pubblicata in Calli. Contrassegna il permalink.